I carati in gioielleria hanno due significati diversi. Vengono utilizzati per misurare il peso delle pietre preziose e per misurare la purezza dell’oro.

I carati delle pietre preziose

Gà dall’antichità, in Oriente e in Asia il commercio di pietre preziose era molto fiorente. Per misurarne il peso, si utilizzava il seme di carrubo, detto in arabo “quirat”, perché si credeva che tutti i semi avessero lo stesso peso. Una volta smentita questa nozione -i semi di carrubo possono differire dall’uno all’altro anche del 25 per cento-, nel 1832 in Sudafrica si è deciso di uniformare la misura connettendola con il sistema metrico decimale, fissando il valore a 0,2 grammi.

Oro a 24 carati

Nel caso dell’oro invece, il carato misura la purezza del metallo in base 24: quindi ad esempio un grammo d’oro tre carati contiene tre parti d’oro e le restanti di altri metalli fino ad arrivare a 24. Quindi l’oro purissimo misurerà 24 carati.

debonis

Author debonis

More posts by debonis

Leave a Reply

© 2017 Gioielleria De Bonis.